Libri, Arte, Teatro, Mostre, Storie di donne

Il prezzo delle ali di Palma Gallana

“Il prezzo delle ali” di Palma Gallana: volare non è il capriccio di Icaro né il dono degli angeli.

Scrivere di violenza è un atto di coraggio. E di coraggio abbiamo bisogno.
Scrivere di rinascita è un messaggio di speranza. E di speranza abbiamo bisogno.
Ne abbiamo bisogno tutti: donne e uomini.

“Il prezzo delle ali” scritto da Palma Gallana, edito da La Ruota nel 2017, è un romanzo che racconta, in modo veritiero ma mai morboso, gli abusi subiti dalla protagonista entro le mura domestiche e il suo riscatto nel riscoprirsi persona e madre.
Ilaria B. vive nella dualità, erede maledetta di un dio Giano con le facce condannate a non comunicare.

protagonista_donna

È due volte madre e due volte tradita da uomini che fuggono come evasori o che restano come carcerieri.
È forte, determinata, autonoma, caparbia, accogliente e accudente.
È picchiata, umiliata, sfruttata, minacciata e perseguitata.

È la stessa donna. È la stessa storia.

Ilaria B. è la signora della “porta accanto”, quella con un livido sullo zigomo, quella con gli occhi bassi, quella con la figlia aggrappata alle braccia.

Ilaria B. è la potenziale vittima destinata a consumarsi e decomporsi nel freddo della terra, dopo essere stata uccisa in nome di un amore che amore non è.

Ilaria B. è la guerriera che combatte, che si rialza dopo il colpo ricevuto, che ricompone l’armatura squarciata e che non si arrende, fino a quando non ha liberato il proprio regno dall’abuso del nemico.

“Il prezzo delle ali” si presenta, nella maggior parte del testo, come il monologo apologetico di una donna maltrattata dal marito, un appello al giudice del tribunale durante la causa per l’affidamento della figlia minore.

Perdendo, talvolta, connotati umani, il giudice diventa Dio o la coscienza davanti ai quali Ilaria B. si denuda di fatti e numeri per vestirsi di ricordi ed emozioni e raccontare un percorso che da figlia nutrita di violenza l’ha condotta a diventare una moglie rispondente a un copione inconscio di vittima.

donna protagonista

“Tutto ha un prezzo”, pensava la protagonista.

Hanno un prezzo la famiglia, la maternità e la femminilità.
Bisogna pagare per avere, offrendo corpo e anima in sacrificio nel tempio del dolore privato.

E invece no! L’amore non si compra come merce rubata, non richiede olocausti come un Dio della guerra, non si sazia solo di sangue come un vampiro.

Il prezzo delle ali non si formula in numeri, perché il suo valore è inestimabile.
Il prezzo delle ali è un diritto, non è il capriccio di Icaro né il dono degli angeli.

Tutte e tutti, infatti, possiedono il prezioso gioiello della libertà.

“Il prezzo delle ali”. Sinossi.

Il riscatto di una donna, Ilaria B., da una storia di “non amore” fatta soprattutto di violenza, tradimenti e bugie. Un percorso di crescita e consapevolezza che la porterà a ribellarsi, ad affrancarsi da quel legame malato e a proteggere se stessa e le sue due figlie. Un racconto di lacrime, forza e di liberazione. In un momento in cui la violenza sulle donne è un tema sempre più ricorrente, un racconto come quello racchiuso ne “Il prezzo delle ali” può aiutare a far aprire gli occhi e a trovare il coraggio.

donna-protagonista

Ogni storia può essere un esempio, se raccontata e condivisa.
Protagonista Donna

©Riproduzione riservata Protagonista Donna

Emma Fenu

Facebook
LinkedIn
Twitter

1 thought on “Il prezzo delle ali di Palma Gallana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *